NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Sei anche TU un DISSENNATORE?!?

16 Febbraio 2017

IL DISSENNATORE figura di rilievo presente nel famosissimo libro di J.K. Rowling, Harry Potter non è altro che una creatura che toglie pace, speranza, felicità nell’aria che lo circonda e che in un incontro ravvicinato, diciamo vis a vis ,tende ad impadronirsi della vostra energia positiva.

 

Positività attrae positività questo è risaputo oramai... quando infatti stiamo con persone positive ci rigeneriamo e la vita ci appare in un certo senso più leggera tutto al contrario invece di quando incontriamo, o peggio dobbiamo condividere il nostro tempo con personaggi negativi o problematici…MA CHE FARE SE la persona che lede le nostre energie vitali è proprio il nostro superiore:

  • il direttore del nostro punto vendita,
  • il general manager della nostra società,
  • o peggio ancora siamo proprio noi??!!??

 Eh si! L’ho proprio scritto!!NOOOOI !!! Perché nella stragrande maggioranza dei casi:

 

IL DISSENNATORE NON SA DI ESSERLO!

 

E voi vi chiederete: < se sono veramente la persona che ho letto sopra l’energia dovrei assorbirla dagli altri ed essere super vitale….ma allora come mai al contrario sono sempre ansioso per i risultati che devo portare, preoccupato perché la mia squadra non mi segue come vorrei, …frustrato dai mille impegni... ect…etc...?????!!!>

 

Ve lo spiego subito!!! Anzi prima vi spiego perché come dissennatore avete sempre bisogno di energia.

Quando viviamo in stato ansioso le preoccupazioni erodono le nostre capacità intellettuali consumando molte energie, l’angoscia per altro rende le persone meno intelligenti dal punto di vista emozionale ed oltretutto la quantità di ormoni secreti da una persona in tali condizioni impiega ore per essere riassorbita ed eliminata dall’organismo di conseguenza avete bisogno di nuova energia.

Questo spiega i disturbi del sonno, le ripetute notti insonni, i problemi allo stomaco e cosi via……

 

GLI STATI D'ANIMO INFLUENZANO I RISULTATI : DA QUELLO LAVORATIVO ALLA PROPRIA SFERA PERSONALE!

 

Come agire allora: partendo dal presupposto che ruota tutto intorno al nostro stato emotivo, le nostre azioni influiscono sull’umore dei nostri collaboratori o colleghi influenzandone le prestazioni????!!

 

Il vero leader a qualsiasi livello sa gestire il proprio stato d’animo, non è più quindi una questione privata della persona, bensì diventa il fattore essenziale per il successo di un’azienda e il raggiungimento di obiettivi importanti, pertanto non meravigliamoci se oltre a comprensione, empatia ed autocontrollo, anche umorismo e disponibilità allo scherzo occupino un posto importante, oltre alla positività, fra gli attrezzi del mestiere dei leader.

Il leader sa scuotere con il giusto equilibrio il gruppo accendendo l’entusiasmo ed animando ogni persona affinchè dia i lproprio meglio, fa emergere i punti di forza, monitora i punti di miglioramento, rende più sicuri i collaboratori ed alimenta la creatività. Mantenendo alto il morale ne favorisce la motivazione e l’impegno. Tramite il nostro stato d’animo creiamo effetti di risonanza sul gruppo, li contagiamo in maniera positiva

 

Allora dopo tutto quello che hai letto cos’hai deciso di fare….rimanere dissennatore o diventare un leader?

Ricordati che il cambiamento non è un evento ma un processo che parte anzitutto da un modo di pensare e poi di conseguenza di agire……ecco che poi arrivano i risultati sperati!

 

 

Se credi di non riuscire a farcela da solo e preferiresti avere un aiuto esterno per guidarti verso il successo, dai un'occhiata al nostro Master perchè, forse ancora non lo sai, ma è quello che stai cercando!

 

 

In conclusione, se lavori nel Retail, ti invito a leggere l'articolo "C'è un modo per vivere meglio il mio mestiere di Direttore di Negozio?", dove potrai trovare altri spunti interessanti per poter migliorarti. Perchè è questo che dobbiamo fare sempre: MIGLIORARCI.

 

Autore: Manuela Cortese

Segue progetti di inserimento di personale su tutto il territorio nazionale con clienti direzionali e progetti relativi alla gestione di servizi di In Store Promotion e Mystery Shopping per alcune importanti realtà del mondo Retail e Grande Distribuzione. Nel 2011 fonda M&M Research in cui assume il ruolo di Consulente Senior.

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Registrati per commentare gli articoli più velocemente

Top